Progetto

EPICO è una linea di accessori di moda critica in pvc e pelle di recupero pensata dalle cooperative Santa Lucia (Asola, Mn) e Terra dei Colori (Parma). Dal loro desiderio di mettersi in rete è nato un progetto di sartoria in grado di offrire un percorso riabilitativo e di formazione pre-professionale rivolto a donne e persone con difficoltà psichiche ed emotive.

EPICO è innanzitutto l’aggettivo che contraddistinguere un’impresa straordinaria: quella di offrire a persone con varie tipologie di disabilità, l’occasione per entrare nel mondo del lavoro.

Il rispetto del diverso e il principio secondo il quale anche un oggetto dismesso può diventare prezioso sono gli elementi fondanti la filosofia di EPICO che seleziona per i propri prodotti solo materiali di scarto e li trasforma in borse, borsette, portachiavi e accessori.

outline-09 outline-08 outline-07 outline-05

La storia di Epico

Epico è un brand giovane che vuole identificare due attività che da sempre contraddistinguono le due cooperative fondatrici, impegnate da tempo sia nel mondo della green-economy che dell’inclusione lavorativa. La cooperativa sociale Terra dei colori, infatti, gestendo il centro socio-occupazionale “Il Porto di Coenzo”, già da tempo si occupa dell’attività di recupero della pelle proveniente da aziende leader internazionali (Coccinelle e Bulgari); mentre la coop. S. Lucia, dal canto suo, oltre ad essere attiva nel settore della ristorazione e delle sanificazione, a fine 2014 ha attivato un percorso legato al fashion, dando continuità al marchio mantovano Depression is fashion.

 outline-03 outline-04 outline-05 outline-12

Il laboratorio: un nuovo spazio di relazione sociale

All’interno del progetto EPICO giocano un ruolo prioritario sia l’aspetto umano che la filiera produttiva: recupero dei materiali, trasformazione e coinvolgimento di persone (che sanno fare e che imparano a fare) consentono di delineare le caratteristiche ideali per la realizzazione di un luogo di relazione sociale: il laboratorio/atelier.
Entrambe le sedi in cui opera EPICO infatti, si contraddistinguono per essere concepite come spazi di lavoro e di confronto: mentre a Mantova il laboratorio è affiancato da uno spazio adibito alla vendita, a Parma a Il Porto di Coenzo si dedica esclusivamente alla lavorazione della pelle. In entrambi i casi, il processo produttivo è accessibile e realizzabile anche da persone svantaggiate che, con il supporto di figure professionali formate e competenti, acquisiscono la capacità di produrre oggetti di alto profilo qualitativo.

Usciamo dai confini: siamo aperti alle collaborazioni

Al fine di implementare il proprio giro di affari e poter reinvestire risorse economiche per aumentare l’inserimento e l’inclusione lavorativa, Epico è disponibile a sviluppare collaborazioni con operatori commerciali, associazioni e imprese. Scopri nella sezione news, i progetti che ci hanno visti impegnati fino ad oggi!